Burri… da non perdere

Sono 20 anni che vivo in Umbria e solo la scorsa settimana ho visitato la mostra permanente di Alberto Burri a Città di Castello. Meglio tardi che mai… ma vi assicuro cosa mi ero perso! Le opere di Alberto Burri ti sorprendono, scioccano per la grandezza non solo dimensionale del suo astratto. Pittura informale, ma che della forma e della materia si nutre, la divora, la riplasma. Dei 50 anni di produzione pittorica (dal 1945 al 1995 anno della sua scomparsa) solo i primi due sono figurativi; dopo la figura esce completamente di scena e subentra la materia (plastica, tela, sacchi, ferro, legno) e il colore (nero, rosso, oro, e altri mille…), e dopo gli anni ’70 i cretti, i cellotex. Un’esposizione imperdibile… esaltante quella negli ex-seccatoi in uno scenario unico in assoluto, e altrettanto nutrita quella nella dimora storica del palazzo Albizzini. Per informazioni http://www.fondazioneburri.org